martedì 28 aprile 2009

Nun n' ja faccio

Ho deciso che in Abruzzo adesso non ci vado. Non ce la faccio proprio. E non sono indispensabile e starei semplicemente tra i piedi, visto che casa mia è inagibile.

In realtà seguo la pancia, anche se mi sento tanto vigliacca.

9 commenti:

wwm ha detto...

però se nun ja fai, nun ja fai...
e credo sia meglio seguire la pancia piuttosto che sforzarsi per poi stare peggio.
Niente sensi di colpa però ok???

EricaML ha detto...

Sono d'accordo anche io. Ho la pelle d'oca a pensare che vedresti la TUA casa messa cosi. un bacio

PaolaFrancy ha detto...

come dice una delle etichette che hai dato al post, non sei una santa, ma una donna.
non è obbligatorio avere il coraggio di fare certe cose. anzi, è umano.
ci andrai quando te la sentirai, e quello sarà il momento.
ciao, paola

niki ha detto...

Ma cosa ci andresti a fare! Aspetta, fai sedimentare le cose... prima o poi ci tornerai.
Un grosso abbraccio da una che vorrebbe tornare a casa... e... non ce l'ha più!
Niki

Extramamma ha detto...

Hai ragione a seguire il tuo istinto anche se poi come sempre c'è la metà votata al sacrificio che ci vuole fottere. Andrai quando ne avrai più voglia. Ora devi anche agguantare il maledetto ladro del bicicarro. O l'hai trovato in camera? (la bici, non il ladro)

mamikazen ha detto...

Secondo me fai bene così, stai dando una mano grossa da dove sei, lì ci vanno i tecnici.
(anche se scommetto che con del cemento armato e un foglio d'struzioni saresti capace di tirar su un palazzo a norma in dieci giorni...)

Mammamsterdam ha detto...

Basta che non siano le istruzioni dell'IKEA, che quelle sono fatte per cervelli con le circonvoluzioni diverse dalle mie.

pastapippo ha detto...

Se non te la senti, lascia stare, approfitta per imparare un po' di milanese, dato che la prossima volta che ci andrai ci sara` Milano 3...
:) ciao mamma

zauberei ha detto...

Azz ammamsterdam non sapevo mi spiace.
Ma fai bene a fare quello che ti senti. Poi in caso cambi idea - che m'era parso sopra ma magari me sbajo.