giovedì 13 novembre 2008

Marketing

Io non so che effetto faccia alla gente vedere le decorazioni natalizie già appese in giro. So l'effetto che fanno a Marina, quando la settimana scorsa siamo uscite dal cinema e sul Leidseplein avevano già messo la pistina di pattinaggio sul ghiaccio con la baracchina che vende i poffertjes, le frittelline mini che si mangiano in porzioni da 10 o 20 con la panna, o il burro e lo zucchero a velo (e svariati altri puttanai per i cultori del genere).


"Hai visto? Già le decorazioni di Natale, che palle".
"Di già? e non ho manco ancora avuto un'estate decente".


C'è di peggio. C'è Sinterklaas che il 5 dicembre porta i regali, ma arriva in Olanda il 15, cioè sabato e domenica arriva in vapore ad Amsterdam, (e cosa ciò significhi per i genitori l'ho raccontato lo scorso anno qui e qui e qui ). Domenica quindi riandiamo alla Marina per vederlo arrivare; io pensavo di andare direttamente al Dam, per una volta, mai fatto, ma in fondo meglio ritrovarsi ancra nel solito vecchio posto con tutti gli amichetti di scuola ed asilo, che l'anno prossimo ce ne saranno sempre meno, traslocano tutti.

Io che ancora non mi riprendo da san Martino (la signora dell'HEMA mi ha rimborsato i soldi del lampioncino che con le batterie si scaldava da matti e non abbiamo potuto usarlo, la maniglia era bollente. Io in realtà la volevo solo avvertire, che ne compriamo un paio tutti gli anni ed è la prima volta, magari gli serve saperlo per fare il culo al fabbricante). e meno male che ho avuto l'idea geniale di chiamare Pino (la sua ditta si chiama Vino di Pino, devo dire altro?) per sentire se gli fosse già arrivato il Novello, e la risposta era si, così me ne sono fatta lasciare una scatola alla pizzeria vicino casa vecchia, che ci doveva comunque passare, e senza castagne, almeno ci abbiamo bevuto sopra.


Però si diceva del marketing e di Sinterklaas. Al Bijenkorf hanno già messo da due settimane le decorazioni di Sinterklaas, compresi i pupazzi degli Zwarte Piet che si arrampicano per 4 piani in su e in giù sulle corde.


Ma H&M li ha superati tutti a marketing. Oggi usciva la collezione disegnata da Comme de Garcon, tutta a pois, e alle 9 di mattina (il negozio apriva alle 10) c'era già una fila di femmine transennate, mentre dietrola porta c'erano 6 omaccioni della sicurezza. Siamo entrate alle 10.05 e gà tutti gli espositori erano presi d'assalto da una torma di femmine, mentre 15 commessi in semicerchio guardavano la scena e il resto del negozio era praticamene vuoto. Così ho afferrato la 50 dei pantaloni che ho preso l'altro giorno, sono andata alla cassa sguarnita di clienti e ho detto:
"Capisco che non sia la giornata migliore, ma vorrei fare un cambio di taglia, la 48 non mi va".

In due minuti avevo fatto, nel frattempo gli espositori erano sguarniti e torme di femmine cariche di roba si avviavano ai camerini o trattavano scambi interni tra loro:
"Signora, io ho la M di questa maglietta, ma non è che lei ha una S e vuole scambiare?".


Ecco, senza alberi di natale e Sinterklaas, H&M è quello che ci ha capito più di tutti sul marketing natalizio.


Che tristezza, però, che già tutti abbiano i saldi. Quest'anno la vedo nera per tanta gente. Se non altro ci consoliamo con il vero spirito di Sinterklaas. I regali costano poco ma li presentano come manco Las Vegas.

4 commenti:

MarinaV ha detto...

Mmmm, che conoscenza approfondita che hai di questi argomenti!
E sì, a me hanno rubato l'estate, quindi protesto per questi falsi giochi invernali!

Trasparelena ha detto...

Da Ikea, a Corsico (MI) le decorazioni natalizie c'erano già a metà ottobre. E t'ho detto tutto
ciao
Elena

MAQ ha detto...

almeno per quest'anno, non si potrebbe saltarlo, il Natale ?
sigh
MAQ

Dude ha detto...

In Leidseplein ci sono da oramai 3 settimane...figurati che il bagarino delle fritture c'e` anche in ZuidPlein ,di fronte al WTC, all'ingresso della metro...beh, quando non piove un'oliebollen me la prendo volentieri (alda, con zucchero a velo on top) (lekkeeeeer! :P)