mercoledì 12 dicembre 2007

Radio Anema e core

Ieri seconda trasmissione in olandese con Gilberto per Radio Onda Italiana, e abbiamo deciso che ci piace lavorare insieme, che di per sé è una bella cosa. Abbiamo anche deciso uno schema di format, ci siamo divisi le competenze e vogliamo mettere su un blog per interagire meglio con gli ascoltatori.

Come musica, è venuta un po'da sé, ma ci piace, abbiamo deciso che trasmettiamo tutto quello che non ha una data di scadenza. Molta musica-folk-etnica (avete notato quanti etnomusicologi in giro per l'Italia trasformano in musica viva le loro ricerche?), il nostro canone classico (Jannacci, de André, Gaber, Fo) un tot di cantautori, ma anche tutta una serie di autori cult-camp di gioventù (La vita l'è bela, di Cochi e Renato, una riscoperta recente grazie ai bambini, per i quali compro sempre i libri di una serie deliziosa, canzoni illustrate.

Così capita in effetti che mio figlio in bici attacca con "e sempre allegri, bisogna stare che il nostro piangere fa male al re" (ma le canzoni di Fo gli piacciono da quando ha due anni, e anche i Blues Brothers).

A me di Radio Onda limita un po' la scelta di musica esclusivamente italiana, perché sono altri gli artisti che ascolto per me (o che mi fa scoprire il capo). Molte donne, ora che ci penso: An Pierlé (bello, la settimana prossima ho il cavoletto in trasmissione e le dedico An Pierlé, si, devo invitare più belgi cosi ho la scusa), Fiona Apple, Michelle Shoked, Tori Amos etc. E il gospel classico anche, ma quello non lo imporrei a nessuno, è un vizio privato.

Così, dati i rispettivi interessi miei e di Gilberto, i due temi onduttori saranno teatro e cibo, con tutte le sovrapposizioni tra i due (come evento simbolico, come patrimonio antropologico-culturale e quakcos'altro che ci inventeremo per strada.

Scappo a portare numero 1 a scuola, sperando che numero 2 nel frttempo decida di svegliarsi, che oggi l'asilo gli tocca.

2 commenti:

chiaradavinci ha detto...

Anche noi siamo fan delle canzoni illustrate. New entries: "Ma che aspettate a batterci le mani" e "L'armata Brancaleone" (con disegni di Emanuele Luzzati, splendido). Ma "Samarcanda" e "Bella ciao" resistono a tutto e a tutti.

Spero di riuscire a sentirvi una sera che il capoccione va a letto prima, è proprio la musica che piace a me.

andrea matranga ha detto...

Siete mitici!