lunedì 21 marzo 2011

Terapia occupazionale e regalo per voi


Queste spillette in feltro e bottoni fanno parte della terapia occupazionale stamattina con Giulia, dopo essere stata 15 minuti al telefono con un cliente che non solo mi ha costretta a richiedere alla Camera di commercio (centro accanto alla stazione) un nuovo documento (vai, parcheggia, entra, prendi il numero, aspetta ed esegui), portarlo in Tribunale, che sta esattamente dal capo opposto della città e a quell' ora prendere il centro o prendere la tangenziale non fa la minima differenza, parcheggiare richiedere atendere ecc., e poi in Consolato (il lato del centro più incasinato da raggiungere dal tribunale lungo tutti i cantieri della futura metropolitana), che vi dico solo che ho un passaporto scaduto da tre anni e ancora non riesco a farlo pur di non andare a fare la fila in consolato (e poi perchè bisogna prendere prima l' appuntamento su Internet) per legalizzare la loro traduzione e poi farla venire a ritirare dal corriere.

Il tutto da farsi venerdì perchè per loro lunedi era tardi e si da il caso che io venerdì avevo una fiera da allestire per 10 espositori, con carichi non consegnati e rogne varie di suo, e invece sono uscita alle 8 e sono rientrata alle 14 solo per fare questo. E non avendo un buco di tre ore in cui farmi raggiungere dal corriere e colta da dubbio, ho aspettato a inviare perchè nel frattempo il cliente mi aveva detto per mail che in fondo gli serve per il 29 e c' era tempo.

E questi clienti che mi chiedono una cosa e poi c' è fretta e se non posso andare e portare e venire, e va bene 20, no, va bene anche trenta e siccome sono in giro per loro ci diciamo tutto per telefono e quando alla fine fatturo spiegando che almeno la benzina, il parcheggio e un rimborso me lo devono pagare, il tutto che va sempre a finire che è l' ultimo momento e mi tocca correre mentre in realtà il tempo passa e per quel giorno lì avevo altro da fare che ora mi tocca trascurare, ecco, mi sono poi ricordata venerdì nella fretta che uno così di cliente italiano l' avevo già avuto a natale e già allora avevo fatto una fatica spaventosa a farmi pagare). e allora se c' è tempo fino al 29 meglio che prima mi paghino e poi mando il corriere.

Ovviamente sono stati chiusi giovedi e venerdì, ma che ne sapevo, chi tace acconsente, perchè gli avevo detto di chiamarmi se non volevano che facessi così. Infatti volevano che lo facessi gratis.

Ora, io sono orgogliosa di me stessa. Perchè ho esordito dicendo che mi meraviglio che loro che sono una azienda (con tutte le società off-shore, che sarà legale ma eticamente io le trovo reprensibili, ste ditte che risparmiano sulle tasse e sulle sfigate come me e la segretaria, poretta pure lei che mi ha telefonato per giorni) come fanno a pensare che io che fatturo 70 euro l' ora me ne vado gratis una giornata a spasso per loro. Perchè la prima volta il timbro in consolato gli ho detto che costa 30 euro se mando qualcuno che conosco e invece per la successiva hanno insistito che andassi pirsunalmente di pirsuna e ho finto che fosse perchè volevano essere sicuri che avvenisse per tempo. Mentre invece sono i soliti cumenda descritti tanto bene da Aldo Busi che già che pagano una modella per farsi fare un catalogo decente pretendono pure di scoparsela e si offendono se quella non ci sta. O. io sono traduttrice. mica galoppina.

E il più sfigato dei corrieri in bici per quel percorso e quei tempi lì si prende 25 euro a indirizzo più 30 euro di attesa l'ora. E io devo spiegargli questo, che mi contestano il prezzo? E perderci 20 minuti 20 al telefono?

Ho fatto la stronza e per tagliar corto ho detto che mi dicano loro cosa vogliono pagarmi e gli rifaccio la fattura, o si cerchino un' altra persona e facciano rifare tutto intanto che io mi tengo in perdita le spese varie di bolli, dirittti e cancelleria, oltre che benzina e parcheggio, perchè lo preferisco a una conversazione così squallida.

Poi meno male che ho fatto spilline, ma se penso che devo mettergli sul fax tutte le ricevute, perder mezz' ora a cercarle nel turbinio di borse della settimana scorsa con tutte le carte della fiera e spiegargli con le figure ogni voce della fattura giuro che mi vien male.

Per consolarmi ho deciso di fare un giveway, candy o detta alla paesana, un regalo. Le tre persone che nei commenti mi scrivono qualcosa di divertente, consolatorio o positivo - vanno bene anche le vostre avventure ancora più sfigate delle mie - che mi faccia un po' passare l' incazzatura, vi spedisco una spillina, perchè dopo aver anticipato 45 euro di corriere la settimana scorsa per accorgersi dopo che si sono scordati che alla traduzione legalizzata mancava l' apostilla del tribunale, ecco preferisco metterci un francobollo per spedirvela.

18 commenti:

barbara ha detto...

Io devo ancora mandarti il regalo di Natale, quindi alla spillina non ho diritto.
Ti consolo se ti dico che il tipo ha di nuovo cambiato avvocato? Siamo al quarto.
Vabbè dai, complimenti per l'assertività.

emily ha detto...

ahahahah cucciolaaa ma come è possibile??? davvero credono che ti fai tutto questo sbattimento gratis? carina l'dea del regalo, solo tu puoi avere idee del genere.

Mammamsterdam ha detto...

No, no, loro hanno avuto la faccia di dirmi che se non avevo tempo bastava dirlo che cercavano qualcun altro. Premesso che mi hanno contattata a fine gennaio e si trattava di una traduzione molto di routine, quando hanno chiesto se ci pensavo io a portarla in consolato per la legalizzazione ho detto subito che avevo qualcuno che lo faceva per 30 euro. Il resto della merda è arrivato goccia a goccia, capisciammè.

Ba, ma come? Manco l' ultimo lo sopportava più? Eccheccavolo.

luby ha detto...

io sto organizzando un matrimonio a 200 km da dove vivo...
un odissea è a dir poco!
mancano 2 mesi e ancora non ho chi mi truccherà,non ho definito il menù,ho fissato con un fotografo tramite mia suocera,ma a noi ancora non ci ha visti nemmeno...
le mie bomboniere sono artigianali,manca il nastro per chiuderle perchè ,giuro,io ne ho ordinato uno,ma i 150 anni dell'italia ha fatto far festa ai corrieri ...i nastri ancora sono non pervenuti ...
devo ancora stampare le partecipazioni...il mio uomo deve ancora fare il vestito...
che dici anche io sto incasinata qb ?!?!?
se il 4 giugno apprenderete sui giornali che una sposa si è presentata con un manganello in mano invece del bouquet saprete chi è...

Trasparelena ha detto...

il lavoro manuale è veramente consolatorio, concordo. Io quando sono stressata ricamo o sferruzzo...

paola ha detto...

Ti racconto l'ultima dell'idraulico. Mio marito gli apre la porta, gli mostra la cantina e se ne va beato al lavoro. Io sono la sfigata che prende mezza giornata di ferie: l'idraulico fa abbastanza rumore da farmi credere che ne è valsa la pena, torna su, mi squadra: "do you speak English? Is your husband here?" Io, in inglese: "No, he went to work". Lui, sorpreso: "But.... can you sign the bill?"
E che gli dici? Poi vado giù, non individuo nessuna valvola nuova ("non è stato possibile metterla", mi dice vago), la caldaia che doveva essere inclinata sta su una piattaforma bella nuova, orizzontale, che sembra tanto uguale alla vecchia... Io non firmo, e se lui pensa che sono unasfigata che non capisce l'inglese ha fatto male i conti. Ma la mezza giornata di ferie non me la rende nessuno... E c'era pure il sole!
Avrei dovuto fare spillette in giardino....

Panzallaria che vuole la spilletta ha detto...

Poteva andare peggio: poteva piovere, poteva rompersi l'auto e che l'unica da chiamare fosse tua suocera con il mal di denti e magari tu averci le mestruazioni e si trasformava in una tragedia familiare con te che tenti di cambiare la gomma sotto la pioggia e lei che ti riprende in olandese stretto e tu, colta da uno sclero da ormone impazzito, le tiri una cricchettata in testa, non riesci a cambiare la ruota, la suocera è morta e tuo marito ti lascia perché sei troppo soggetta a sbalzi di umore quando c'hai le tue cose, ti porta via i figli e anche i diritti del libro e ti ritrovano in una vetrina nel quartiere rosso di amsterdam a vendere il tuo corpo a qualche italiano morto di canne.
Vedi, tutto può andare meglio no??? ;-)

Mammamsterdam ha detto...

Traspa, io infatti mi sono ispirata a te e alle altre crafters.
Luby, in due mesi ne organizziamo tre di matrimoni, il maschio basta portarlo la settimana prima in un bel negozio elegante, farsi consigliare dal proprietario sessantenne, prendere gli orli, vai sul tre pezzi classico che poi ti ricicli fino al funerale e non sbagli. Se hai bisogno di consigli, indirizzi ed esperienza scrivimi in pvt. Tranquilla, anche se tutto fosse già pronto all' altare ci si va con i denti ingrignati, poi dopo il brindisi passa.

panz, infatti mi erano tornate proprio in quel momento, come lo sapevi?
Paola, hai fatto bene, se ti trattano da analfabeta tu firmi con la croce.

Pentapata ha detto...

io per 45€ "rubati" andrei nottetempo a mettergli una banana nello scarico della macchina e dell'attack nella serratura, sono o non sono una signora garbata?

lerinni ha detto...

beh, se ti vengon delle cosine così carine, quando fai la terapia occupazionale (che figo che suona!!), quasi quasi, spero che ti ricapiti qualche casino...
(sguissssssssssssh!! evitata la ciabatta che mi hai lanciato!!)

Chiara ha detto...

Bella la corsa alla sfiga! Noi siamo tornati dal weekend di wellness (pagato fior di quattrini) con otite e febbre; i nonni, cui avevamo lasciato i bimbi, sono collassati a letto con raffreddore e febbre. Se ti sembra poco... e non abbiamo prodotto nessun oggettino carino, solo fazzoletti di carta melmosi...

mamikazen ha detto...

Ho il conto in banca sempre più languido, i figli perennemente influenzati (in questo momento sono a casa tutti e due ad attaccare virus alla babysitter), le tette sempre più smosce, le classi in laboratorio accatastate una sull'altra che non mi posso ammalare perché se mi ammalo non ho più i giorni buchi per farle venire al museo, il marito che come mi stendo nel letto attacca a russare come un cormorano spiaggiato (ieri notte ho cercato rifugio nel letto del piccolo ma dopo cinque minuti mi ha cacciato a sberle e calci), Berlusconi è ancora tra le palle, ci toccherà magiare spinaci radioattivi per il resto della vita e ieri ho visto Calderoli in gessato elegante e polo verde sbrindellata aperta sul petto (SUL PETTO!!!!).
Adesso io esco e mi vado a comprare un vestitino provenzale, in barba al conto striminzo e a Calderoli.
Vale anche un foulard, un anello finto, una cassata siciliana... qualunque cosa purché non troppo utile ma molto, molto bella ;)

Giorgia ha detto...

Stamattina sveglia alle 6.30, che fatica che ho pure mal di gola, alzati-lavati-vestiti-mangiati e corri a prendere la metro, arriva in ospedale giusta alle 8.30... e fatti rimandare a casa perché hai il germe malefico e potresti contagiare tutto lo stuolo di neonati del NICU!
Ecco quando ha suonato la sveglia e io ho pensato "ma non posso rimanere a dormire che sono pure malaticcia?", non potevo zittire quel dannato senso del dovere?
Però guardiamo il lato buono: alle 8.35 ero già a spasso, ho fatto in tempo a vedermi i pattinatori sotto il Rockfeller e mi sono spaparanzata al caffè della libreria sulla 5th Avenue per due ore di sana lettura (e chai latte).
Dal che deduci che non ti conviene spedirmi la spilletta, il francobollo ti costa più del corriere!

Citando Barbara, bravissima per l'assertività, io son qua che cerco di trovare l'equilibrio tra la pacatezza paterna e l'aggressività materna, che invece di essersi amalgamate per bene saltano fuori separatamente e così non va.
Grazie per i tuoi scorci di vita! :)

Mammamsterdam ha detto...

Bene, brave, chiudo qui e se mi rimandate l' indirizzo a orsovolante chiocciola gmail.com ve le spedisco, pure a NY che ce la posso fare.

Anonimo ha detto...

L'apostilla??? Ma chi e' che si fa fare traduzioni da te, scusa? E poi, non so se hai visto che il primo periodo di questo post manca di qualsiasi nesso grammaticale.
Barbara.

Mammamsterdam ha detto...

Oddio, era un bel po' che non ricapitava da queste parti una maestrina dalla penna rossa, cielo che emozione.

Cara, non so se hai visto che questo è un blog dichiaratamente senza editing, non un' esegesi biblica e tantomeno una traduzione. queste le faccio gi`a per lavoro.

Tu a proposito, nella vita che fai?

Mammamsterdam ha detto...

Adesso capisco, ma non è che tu ti confondo la postilla con l' apostilla? No perchè sarebbero due cose totalmente diverse.

graz ha detto...

I refusi di MammAm sono un mito, guai a chi li tocca!!! Si riconosce un suo commento ovunque lei lo scriva, di qualsiasi cosa lei parli. Traspare la follia e ortografia e sintassi diventano tanto più creativi quanto più appassionato è l'intervento.

Per non parlare del fatto che da quando ha il coso_fico_con_la_mela non riesce a fare le lettere accentate ma in compenso fa la o sbarrata, come faccia lo sa solo lei.

(circa lavorare con gli italiani, tocca non aver bisogno di lavorare. Solo così li puoi mandare a spigolare non appena si allargano)

/graz