mercoledì 3 novembre 2010

Stasera ricomincio con "Vini d'Italia" (confessioni di un'ex-astemia)

Stasera si ricomincia con Vini d'Italia, le mie lezioni con degustazione guidata e mangiarini alla scoperta dei vini italiani. La cena ce la prepara Sebastiano che ci ospita inoltre da Pizza Taxi, in Ceintuurbaan 121. Ricordo che Sebastiano per due volte che ha badato ai miei figli e gli ha fatto le polpette ha scardinato per 3 anni dal loro immaginario le polpette della mamma (sante manine) per sotituirle con le 'pette di 'Tiano.

Quello di stasera mi sembra un bel gruppetto, e poi a me piace tanto quando posso far mangiare e stare in compagnia un gruppo di persone. Da questo punto di vista mi mancano un po' le lezioni di cucina che facevo prima (prima, quando mi sembrava naturale e utile sbattersi per dei mesi per mettere insieme a fatica un gruppetto, che si, ci divertivamo eccome, ma mi rendo conto che mangiar bene non è per gli olandesi una priorità tale da pagare il necessario. E fare opera missionaria in questo senso va bene quando sei giovane, idealista e piena di energie, e non più quando ci sono tante altre cose nella vita che ti danno soddisfazione e richiedono giornate da 48 ore).

Con il vino il discorso è diverso, non solo perché comunque a questi corsi ci vengono veramente un sacco di italiani, ma anche perché per qualche strano corto circuito il discorso vino = qualità = tocca cacciare almeno un po' di soldi sembra essere già innestato in un gruppo più ampio di persone.

Per me che ho passato anni da astemia ha avuto molto senso l'imparare a scoprire cosa c'è esattamente dentro un vino, guardandolo, annusandolo e capendolo. Da questo punto di vista il corso per il diploma da sommelier dell'AIS è fatto molto bene e soprattutto i relatori sono veramente persone speciali.

Ecco, un po' di quell'entusiasmo credo di riuscire a passarlo anche a gente che non ha il minimo interessa a sobbarcarsi un impegno grosso come un corso professionale, ma a cui piace il vino e a cui piace passare una serata in compagnia imparando qualcosa. Ma dovrei riuscirci, visto che ritornano una serie di vecchi amici delle lezioni della scorsa stagione. persone che la stessa teoria già l'hanno fatta, ma che tornano per l'atmosfera e i vini nuovi che ho scelto stavolta.

Certe volte quando mi arrivano degli inviti mi rendo conto che la fase degli aperitivi per incontrare gente nuova l'ho superata da un pezzo. Fare chiacchiere inutili e faticose in un ambiente rumoroso e affollato, bevendo pessimo vino pagato troppo (non nomino il locale, ma è il solito post da fighetti, come vedete il diploma AIS mi ha rovinata per sempre a certi riti sociali) non fa più per me, non per cattiveria, ma proprio non ho tempo.

Datemi invece un gruppo di persone con cui condividere almeno un interesse, magari anche fugacissimo, come questi corsi, ma anche come certi concerti, o conferenze o spettacoli o serate che ci facciamo da Astaroth che poi ci mettiamo a tirar tardi e chiacchierare, ecco, lì si che in qualche modo mi sembra di conoscere solo gente piacevole.

Domenica si ricomincia inoltre con il corso aperitivo, niente cena ma tanti mangiarini buoni che farò io sabato. Perché come mi piace avere la scusa per cucinare per gente che apprezza quel pelo di più dei maschi di casa, ecco, è la parte più rilassante dei miei weekend.

Se vi interessa ho ancora qualche posto last-minute:
3 lezioni con cena il mercoledi dalle 20 alle 22 costano € 145,
3 lezioni-aperitivo la domenica dalle 17 alle 19 € 99.

E a dicembre, i vini per le feste: Bollicine l'11 dicembre e Like wine for chocolate il 12 dicembre, tutte e due le volte dalle 17 alle 19.

020-419 7484 o info(chiocciola)madrelingua.com
.

1 commento:

MammaMoglieDonna ha detto...

Quanto verrei volentieri...
Ho sempre desiderato fare un corso da sommelier, spero di farlo un giorno...